dsa

Cos'è la tecnica implantoprotesica

La tecnica di implantologia chiamata "All on four" è un passo avanti rispetto alle tecniche usate in precedenza per la terapia delle edentulie totali (pazienti portatori di dentiere). Ma quali sono le novità introdotte dalla "All on four" rispetto al passato?

Una su tutte, la possibilità di creare protesi che possano sorreggersi su soli quattro impianti, proprio come il nome All on Four ("tutto su quattro" in italiano) suggerisce. Con le metodologie precedenti c'era bisogno di forare in più punti l'osso mascellare o mandibolare, in corrispondenza dei denti da sostituire. Ne deriva che, grazie a questa nuova tecnica, gli interventi di implantologia dentale risultino decisamente più facili e veloci da realizzare.

Il dentista infatti, mediante una semplice dima, non deve far altro che effettuare quattro fori, all'interno dei fori verranno poi inseriti gli impianti dentali in titanio, basi su cui poi avvitare le protesi fisse. Grazie a questo nuovo protocollo clinico, i pazienti vedono superare in breve tempo problemi anche molto gravi di edentulismo, come per esempio l'edentulismo totale, ovvero la perdita completa di tutta la dentatura.

La tecnica di Implantologia dentale "All on four" praticata anche nel nostro studio, ha decisamente decretato un grosso passo avanti della Medicina Implantologica, che punta sempre di più ad un miglioramento delle metodiche cliniche proposte.

La tecnica All on Four diventa ancora più vincente se è associata al protocollo clinico della Implantoprotesi Computer Assistita.

Vantaggi della tecnica All on four

  • Solo 4 impianti per una riabilitazione di un'arcata dentaria completa (12 elementi), di cui i due impianti posteriori inclinati di 30°;
  • Evitare le lunghe estensioni (cantilever) nei settori posteriori;
  • Possibilità di effettuare il carico immediato (da subito protesi fissa provvisoria in acrilico);
  • Nel mascellare superiore (mascella) gli impianti posteriori inclinati servono a:
    • evitare interventi di rigenerazione ossea dei seni mascellari (es. grande rialzo del seno mascellare);
    • inserendosi più apicalmente e più anteriormente, sfruttano in questa sede la presenza di osso di migliore qualità;
    • Possibilità di inserire impianti di lunghezza maggiore;
  • Nel mascellare inferiore (mandibola) gli impianti posteriori inclinati servono a:
    • evitare di inserire impianti in zona posteriore dove frequentemente non vi è buona quantità di osso e dove vi è la presenza del canale mandibolare all’interno del quale vi è il nervo alveolare inferiore;
    • inserendosi più apicalmente e più anteriormente sfruttano la presenza in questa sede di osso di buona qualità;
    • possibilità di inserire impianti di lunghezza maggiore.

Caso clinico:

"All on Four" mandibolare e mascellare con tecnica Computer Assistita in paziente portatore di due protesi mobili superiore ed inferiore.